QR code per la pagina originale

Kindle, in arrivo il secondo modello

Arrivano le prime indiscrezioni sul nuovo lettore portatile di Amazon. Ci saranno probabilmente due modelli con un'interfaccia migliore, uno simile al vecchio e uno più grande. Pronti anche nuovi colori per la stagione natalizia

,

A meno di un anno dalla presentazione del modello originale arriva l’annuncio di un nuovo Kindle che dovrebbe essere pronto proprio un anno dopo il lancio della versione 1.0. I modelli raddoppiano e aumentano le potenzialità.

Ancora un oggetto misterioso in Italia, il Kindle sembra invece aver riscosso un discreto successo negli Stati Uniti: il lettore multimediale orientato alla lettura, collegabile alla rete via WiFi, in grado dunque di scaricare materiale senza dover necessariamente passare per il pc e portatile come un libro, dovrebbe essere la nuova frontiera della lettura in mobilità. E chi poteva lanciare un prototipo simile se non Amazon, i pionieri della letteratura in rete?

È CrunchGear a fornire le prime indiscrezioni sui nuovi modelli di Kindle: uno sarà l’aggiornamento della versione 1, stessa dimensione ma interfaccia migliore; il secondo invece sarà più grande più o meno come un foglio 20×27 e arriverà un po’ di tempo dopo.

L’indiscrezione, che proviene secondo CunchGear dall’interno di Amazon, parla di un salto di tre o quattro generazioni (nel confronto parallelo e significativo con l’evoluzione dell’iPod) e di diversi colori anche se manca di indicare un possibile prezzario. La mossa sembra voler cominciare a creare un mercato, con un’offerta differenziata per pubblici diversi e un’appeal anche più popolare dato da diversi colori. Perchè, come ha insegnato l’iPod, la tecnologia portatile è un segno per chi la possiede, parla di se stessi e deve essere pertanto personalizzabile e gradevole.

Amazon non ha mai diffuso cifre ufficiali sulle vendite del primo Kindle che però è rapidamente andato fuori produzione: gli analisti sostengono che se ne siano venduti tra i 10.000 e i 30.000 e che entro il 2010 potrebbe fruttare all’azienda qualcosa come 750 milioni di dollari.