QR code per la pagina originale

AirPower arriva a fine marzo?

Il lancio di AirPower, il pad di ricarica wireless di Apple, sarebbe ormai imminente: alcune fonti asiatiche scommettono sulla fine di marzo.

,

Giungono importanti informazioni su AirPower, il pad di ricarica wireless di Apple. Oltre alle indiscrezioni pubblicate questa mattina, relative all’ottenimento dei diritti di sfruttamento per il marchio, appaiono in Asia alcuni dettagli sulla disponibilità. A quanto pare, il tanto atteso accessorio potrebbe arrivare nei negozi nell’ultima settimana di marzo.

La storia di AirPower è ormai nota, anche perché molto travagliata. Presentato in concomitanza con iPhone X, il dispositivo non è mai apparso sul mercato, per non meglio precisati ritardi di produzione. In questi giorni, tuttavia, Apple ha ottenuto i diritti di sfruttamento esclusivi del marchio, un fatto che potrebbe indicare una vicina commercializzazione. Secondo quanto riferito da DigiTimes in una nota, alcune fonti asiatiche vicine a Cupertino avrebbero indicato nella fine di marzo l’approdo nei negozi, sebbene non giunga alcuna conferma da Apple Park.

Nel dettaglio, DigiTimes avrebbe raccolto alcune informazioni sui fornitori del gruppo di Cupertino: Lite-On Semiconductor, società che produce alcune componenti proprio di AirPower, sarebbe nel pieno delle consegne e attenderebbe degli introiti nel secondo trimestre particolarmente elevati.

In molti hanno sperato nel lancio di AirPower nel corso di questa settimana, considerato come il gruppo californiano ne abbia approfittato per rendere disponibili numerosi prodotti, tra cui i nuovi iPad Air, iPad Mini, iMac e la seconda generazione delle cuffie AirPods. Allo stesso tempo, una presentazione nel corso dell’evento del 25 marzo appare del tutto improbabile, considerando come la società abbia scelto questa kermesse per illustrare le sue novità nell’universo dei servizi, tra cui una piattaforma di streaming video.

Come già ampiamente noto, AirPower permette di caricare in modalità wireless ben tre dispositivi alla volta – ad esempio iPhone, Apple Watch e AirPods – permettendo di gestire in autonomia le priorità di alimentazione e di controllare i livelli di carica di ogni singolo device direttamente dallo schermo del proprio smartphone.

Fonte: MacRumors • Immagine: Apple