QR code per la pagina originale

Amazon è ancora di Bezos nonostante il divorzio

Jeff e MacKenzie Bezos hanno trovato un accordo per il divorzio he permetterà alla donna di diventare la quarta più ricca al mondo.

,

Il fondatore di Amazon Jeff Bezos e la sua attuale ex moglie, MacKenzie Bezos, hanno annunciato di aver raggiunto un accordo per il divorzio, una mossa che renderà la donna la quarta più ricca al mondo. Mr Amazon manterrà il 75% delle azioni nella società che ha fondato e di tutte le partecipazioni congiunte della coppia in Blue Origin e The Washington Post. Prima del divorzio, il duo possedeva il 16% delle azioni di Amazon, per un valore di oltre 140 miliardi di dollari. Visto che Jeff e MacKenzie si sono sposati prima della creazione dell’e-commerce, le quote erano considerate proprietà comune e questo ha diffuso una certa speculazione sul fatto che la scissione potesse costituire una minaccia per il controllo della compagnia da parte di Bezos.

Ma un documento alla Security Exchange Commission che accompagna l’accordo ha chiarito che Amazon resterà una creatura controllata da Jeff. In base all’accordo di divorzio, MacKenzie riceverà solo un quarto delle partecipazioni in Amazon, per un valore di circa 35 miliardi di dollari, rendendola così la quarta donna più ricca al mondo. Di conseguenza, Bezos manterrà tutto il potere di voto all’interno di Amazon, lo stesso che aveva prima del divorzio. A gennaio, il National Enquirer ha riferito che la coppia avrebbe divorziato anche a seguito di una relazione del fondatore con Lauren Sanchez, giornalista statunitense e amica di famiglia dei due.

Un mese dopo, a febbraio, proprio Bezos ha pubblicato un post su Medium per raccontare la vicenda nella quale si era trovato coinvolto, con Enquirer che pare abbia chiesto un riscatto per non pubblicare una serie di foto compromettenti della nuova coppia. Nella questione sembra rientrare anche l’Arabia Saudita, i cui agenti di sicurezza avrebbero fatto un favore all’amico Donald Trump, spesso mira sia di Bezos che del Washington Post.