QR code per la pagina originale

iPhone 5G: Apple non soddisfatta da Qualcomm?

Apple non sarebbe pienamente soddisfatta dell'antenna 5G sviluppata da Qualcomm per i nuovi iPhone: il gruppo la starebbe progettando in-house.

,

Giungono importanti aggiornamenti sul conto di iPhone 5G, la linea di smartphone che Apple potrebbe presentare nel mese di settembre. A quanto pare, Apple avrebbe deciso di progettare in-house l’antenna dei nuovi dispositivi, poiché poco soddisfatta della versione sviluppata da Qualcomm. In ogni caso, i nuovi smartphone useranno proprio chipset Qualcomm per potersi connettere alle reti di ultima generazione.

Secondo quanto riferito da MacRumors, Apple non avrebbe gradito l’antenna QTM 525 5G di Qualcomm, adatta alle frequenze mmWave. Secondo alcuni informatori anonimi, il gruppo di Cupertino si sarebbe lamentato del fatto che la soluzione “non si adatta all’elegante design industriale che Apple vuole per i suo nuovi smartphone”.

Apple avrebbe quindi deciso di sviluppare in-house una nuova antenna, da collegare al chipset 5G di Qualcomm, affinché il design di iPhone possa rimanere intatto. Tuttavia, alcune fonti appaiono preoccupate da questa decisione, così come riferisce Fast Company. Durante alcuni test recenti, infatti, sarebbe emerso che le soluzioni Apple richiederebbero “il doppio della potenza necessaria rispetto ad antenne simili per produrre la stessa quantità di segnali radio”.

In ogni caso, il gruppo di Cupertino avrebbe comunque mantenuto un prototipo con l’antenna di Qualcomm e, prima di avviare la produzione di massa, deciderà se approvare la propria versione o quella del partner a seconda delle performance raggiunte.

I nuovi iPhone 5G, ovvero la linea degli iPhone 12, giungerà nei negozi nel mese di settembre: i tre dispositivi attesi potrebbero essere compatibili sia con le frequenze sub-6GHz che con le mmWave. Tra le caratteristiche hardware già note la presenza di un processore A14 e la disponibilità in tre dimensioni a schermo: da 5.4, 6.1 e 6.7 pollici.

Video:Huawei Mate 30 Pro: come si usa senza Google App