QR code per la pagina originale

Alan Turing, come risolvere il Google doodle

Alan Turing, matematico inglese considerato il padre dell'informatica, è celebrato oggi con un doodle interattivo da risolvere su Google

,

Alan Turing è il personaggio celebrato oggi da Google con un nuovo doodle interattivo pubblicato sulla pagina principale del motore di ricerca, in occasione del 100esimo anniversario dalla nascita del matematico, considerato il padre dell’informatica. Un logo che presenta un enigma da risolvere, piuttosto ostico per chi non ha familiarità con codice binario e programmazione.

Nato il 23 giugno 1912 nella capitale inglese, Alan Turing frequentò in gioventù scuole umanistiche, ma senza ottenere grandi risultati. Decise dunque poi di seguire la sua passione, dedicandosi alle materie scientifiche. Durante la seconda guerra mondiale diede vita a Bomba, un sistema per decifrare le comunicazioni crittografate dell’esercito tedesco. Nel 1946 creò l’Automatic Computing Engine, un primo modello di computer commissionato dal National Physical Laboratory di Londra.

Qualche anno più tardi scrisse “Computing machinery and intelligence”, testo ancora oggi ritenuto di fondamentale importanza per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, oggi alla base di buona parte della tecnologia impiegata in ogni ambito dell’informatica. Morì suicida il 7 giugno 1954 ingerendo una mela avvelenata con cianuro di potassio, dopo essere stato sottoposto a castrazione chimica per l’allora reato di omosessualità.

Tornando al doodle odierno, l’obiettivo è quello di riproporre con la macchina di bigG lo stesso codice binario visualizzato nella parte in alto a destra del logo. Sei gli step da compiere, uno per ognuna delle lettere che compongono la parola “Google”. Come fare? Senza addentrarci in spiegazioni tecniche, ecco in streaming di seguito un breve video con la soluzione.

Notizie su: ,