QR code per la pagina originale

Flat a 10 euro al mese: presto anche ai privati?

Secondo il gruppo Anti Digital Divide potrebbe presto arrivare da Telecom Italia una flat 56k always-on per i privati, così come appena offerto alle aziende tramite l'Opzione Online Business. Per gli esclusi dall'ADSL sarebbe un sicuro toccasana

,

Da alcuni giorni un annuncio campeggia sul sito 191.it, la sezione Telecom riservata agli utenti aziendali: «Naviga gratis senza limiti sulla tua linea telefonica di base a soli 10 Euro al mese […] Puoi collegarti ad Internet in modalità dial-up, senza scatto alla risposta e a ZERO Euro cent al minuto, tutti i giorni 24 ore su 24. Il traffico è tutto incluso». Si torna, dunque, a parlare di flat.

Telecom Italia ha deciso di scendere in campo da protagonista lanciando la prima flat dial-up italiana senza limiti di tempo a soli 10 euro al mese. Al momento il panorama delle offerte per chi è tagliato fuori dalla banda larga era quantomeno laconico: la quasi totalità delle proposte hanno un limite orario e particolari algoritmi per la disconnessione automatica, e solo poche offerte (particolarmente onerose) offrono la possibilità di un collegamento always-on.

Le aziende relegate al 56k (sparse su ben il 70% del territorio italiano) avranno da oggi la nuova possibilità denominata “Opzione Online Business“. Telecom presenta l’offerta in estensione ad «una delle offerte Teleconomy (Caffè, Aziende Quando Vuoi, National Aziende, Regional Aziende, Zero Aziende, Light, 24 Aziende e 24 Aziende City 100 e 200)» preesistenti. Raddoppiando le linee attivate ed il canone di connessione sarà possibile accedere alla specifica offerta per ISDN. Al costo del canone per l'”Opzione Online business” va dunque sommato il canone Teleconomy, variabile per ognuna delle offerte disponibili.

Se per le aziende l’offerta costituisce un toccasana tanto gradito quanto inaspettato, per i privati la carenza di offerta rimane. Potrebbe, però, essere semplicemente questione di tempo: secondo alcune indiscrezioni riportate dal gruppo Anti Digital Divide, infatti, una proposta potrebbe già essere stata avanzata ma prima del lancio Telecom starebbe attendendo una risposta dell’AGCOM (impegnata a valutare l’accessibilità da parte dei competitor ad un’offerta sufficientemente concorrenziale).