QR code per la pagina originale

Italia.it: tutto cambia, nulla cambia

Nulla cambia attorno al progetto Italia.it. Era il 3 luglio quando il ministro Brambilla assicurava tempi celeri per nuove iniziative sul famigerato portale del turismo. A fine settembre, però, una sola notizia è confermata: tutto rinviato al 2009

,

Una nuova notizia importante giunge dal fronte Italia.it. La notizia è una conferma: il sito è offline e rimarrà tale. Il sito non funzionava, e non funzionerà ancora per mesi. Il sito non sembrava avere un futuro e ancora non sembra averlo. Il sito non è servito finora al mercato del turismo italiano, e anche per la prossima stagione non sarà il sito a dare impulso al comparto. Tutto confermato, insomma.

L’aggiornamento sulla situazione è stato riportatodal Million Portal Bay, il sito che fin dall’inizio sta seguendo con ironia le sorti tragicomiche del sito “da 50 milioni di euro”. L’intervista di riferimento è quella di Armando Peres, consulente del ministro Michela Vittoria Brambilla («Per la precisione si tratta del “Coordinatore dell’unità tecnica per le attività di monitoraggio”, incarico per il quale il consigliere percepisce la somma di 70.000 euro lordi ogni sei mesi). Ma è da una dichiarazione di quest’ultima che occorre partire per risalire l’ordine dei fatti: quando la Brambilla assunse il proprio incarico, infatti, dovette prendere atto della questione Italia.it fotografando lo stato dei fatti ed indicando le proprie intenzioni per il futuro. Il neo-ministro, invece, usò parole utili ad aggirare l’ostacolo, pur promettendo rapidità nell’intervento: «Per quanto riguarda il portale dell’ENIT,[…], io ho assunto la gestione del portale Italia.it. Il portale Italia.it verrà gestito direttamente dal dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo. Ovviamente non è una cosa di cui posso parlarvi ora perchè [interruzione] è chiaro che io ho bisogno di un po’ di tempo per darvi un’idea concreta di come sarà. Il fatto comunque che io abbia istituito un comitato scientifico per lo studio e lo sviluppo delle nuove tecnologie nel comparto turistico fa sì che il portale ENIT abbia la giusta competenza a livello professionale […]».

Michela Brambilla e Italia.it

Quindi continua: «Beh, guardi, il comitato scientifico si insedierà nel giro di, io credo, una decina di giorni. Poi per quanto riguarda i tempi della messa in rete del portale, oggi non sono in grado di dirglielo. Però quello che posso garantirle è che saranno i tempi miei che, come voi sapete, sono abbastanza celeri».

Quel che The Million Portal Bay raccoglie ora è un nuovo rinvio: »mentre sul portale Italia.it sembra ulteriormente slittare a metà 2009 la fase di start-up, nella quale lo stesso Peres non ha escluso un costruttivo contributo della ricerca universitaria, come lo stesso professor Francesco Adamo, coordinatore delle Giornate del Turismo, ha sollecitato». La dichiarazione sarebbe stata pubblicata su Italia Oggi, lo stesso riferimento che già raccolse le prime indicazioni della Brambilla ai tempi della nomina.

I soldi spesi per il progetto sono ormai cosa pubblica. Gli errori commessi sono evidenti, conclamati e bipartizan. Se guardare al passato è inutile, il presente è fatto di un sito irraggiungibile ed il futuro è impregnato di nuovi rinvii. Italia.it è un emblema, ma porta un significato di ben gramo auspicio.