QR code per la pagina originale

Microsoft mette un data center in fondo al mare

Microsoft ha collocato un data center in fondo al mare della Scozia per verificare i vantaggi del raffreddamento dell'acqua per i server.

,

Uno dei maggiori problemi dei grandi data center è il loro raffreddamento. Queste strutture, infatti, necessitano di grandi quantitativi di energia per alimentare di sistemi che tengono alla giusta temperatura i server che operano al loro interno 24 ore su 24. Molte grandi aziende stanno lavorando a progetti innovativi con l’obiettivo di migliorare in maniera sostenibile la capacità di raffreddamento dei data center. Il progetto più curioso è sicuramente quello di Microsoft che ha deciso di “affondare” i data center nel mare per capire se la naturale capacità di raffreddamento dell’acqua possa portare evidenti benefici.

Nello specifico, il gigante del software ha deciso di collocare un suo data center nel mare della Scozia per capire se questa soluzione possa portare vantaggi in termini di risparmio dell’energia. Non è la prima volta che la casa di Redmond studia gli effetti del mare sui data center. Sono 5 anni, infatti, che Microsoft fa esperimenti in questa direzione. In precedenza, la società aveva collocato per 5 mesi un data center dentro il mare della costa californiana nel 2015. Questo nuovo progetto, invece, punta a fare un nuovo passo in avanti. Il data center collocato nel mare scozzese rimarrà sotto acqua per i prossimi 5 anni.

Questo data center sarà composto da 12 rack con 864 server per un totale di 27,6 petabyte di capacità di storage. Lo spazio di archiviazione di questo data center permetterebbe di archiviare circa 5 milioni di film, mentre la capacità totale di calcolo dei server è pari a migliaia di PC desktop di fascia alta. Il data center sarà alimentato da un cavo sottomarino e da energia rinnovabile proveniente dalle isole Orkney. Il cavo collegherà anche i server alla rete.

Microsoft spera che il progetto di ricerca, soprannominato Natick, evidenzi che questa strada possa essere una buona soluzione da applicare anche a tutti i suoi altri data center sparsi per il mondo.

Fonte: The Verge • Immagine: Microsoft