QR code per la pagina originale

Disney+, problemi tecnici al Day One

Per via di problemi tecnici, Disney+ non è stato disponibile a tutti gli utenti americani il giorno del lancio.

,

Disney+ è stato lanciato ieri negli Stati Uniti, ma pare che il servizio abbia avuto dei problemi al Day One. Una volta reso disponibile, infatti, alcuni utenti non sarebbero riusciti a connettersi ai server e pare non abbiano potuto guardare nessuno dei contenuti presenti sulla piattaforma. Un gran numero di persone avrebbero pertanto espresso il proprio dissenso su Twitter, con segnalazioni corredate di screenshot dell’errore.

Il problema, ovviamente, non ha interessato tutti, ma solo un gruppo ristretto di persone: secondo Downdector, sito web che monitora questo tipo di anomalie, ci sarebbero state circa 8000 segnalazioni di utenti che non sono riusciti a connettersi ai server. Chiunque abbia dimestichezza con i videogiochi online, saprà che questo è un genere di problema che si riscontra quando un cospicuo numero di persone lancia il titolo nello stesso momento; il più delle volte, sono errori che vengono risolti in breve tempo, basta soltanto riportare online i server. Il profilo Twitter dedicato al servizio clienti di Disney+ ha così dichiarato di essere a conoscenza del problema e di avere intenzione di sistemare le cose il prima possibile.

La Casa di Topolino si aspettava questo genere di errore. Secondo quanto dichiarato a The Verge la scorsa settimana, “ci sono sempre problemi tecnici al lancio, così come c’è sempre la possibilità di migliorare le prestazioni di qualsiasi servizio”. In seguito al problema, sono stati tantissimi gli utenti che hanno cercato di mettersi in contatto con il servizio clienti: la società ha così “cinguettato” che il tempo di attesa per la risposta avrebbe potuto essere più lungo del previsto.

Al momento, alcuni utenti statunitensi continuano a segnalare il disservizio e non è chiaro quanto tempo sarà necessario prima che la questione verrà risolta definitivamente. In Italia, Disney+ sarà disponibile dal 31 marzo del prossimo anno.