QR code per la pagina originale

Asus, PC desktop low cost in arrivo?

Secondo rumors sempre più insistenti, Asus starebbe per lanciare il suo primo PC desktop a basso costo, da inserire nel medesimo segmento del suo fortunato Eee PC. Il nuovo modello potrebbe rivoluzionare il mercato dei computer da tavolo

,

Il mercato dei computer low cost è stato sconvolto nello scorso anno dall’arrivo dell’Eee PC, il minicomputer portatile a basso costo prodotto da Asus. Ora, l’azienda sembra essere intenzionata a ottenere i medesimi risultati con un nuovo modello desktop, rigorosamente low cost.

Tra numerosi rumors e indiscrezioni, le prime specifiche tecniche sono trapelate proprio negli ultimi giorni. Quello che si dovrebbe chiamare eBOX (e non eeeBox come ipotizzato in precedenza) sarà un desktop computer pesante meno di due chilogrammi e dotato di processore Intel Atom / 945 chipset, 2 Gb di RAM e 160 Gb di hard disk. Il nuovo dispositivo potrebbe dunque contare su un buon equipaggiamento hardware, ben superiore all’ipotizzata dotazione "entry level" di 1 Gb di RAM e 80 Gb di hard disk, ormai quasi certamente sfumata.

A far scorrere tutto sarà sempre un sistema operativo Linux, probabilmente la medesima distribuzione messa a punto per il modello portatile di Asus . Non è dato sapere, invece, se poi sarà possibile (come per il fratello portatile) montare anche una versione ad hoc di Windows XP. Cruciale sarà come sempre il prezzo, ancora non dichiarato ufficialmente, benché le voci parlino insistentemente di un prezzo intorno ai 500 dollari. Dato il successo del laptop completamente funzionante e funzionale che Asus ha posizionato nella fascia di prezzo da 300 dollari (e successivamente di 400 dollari con un modello più potente) il passaggio alla fascia dei computer da tavolo sembrava essere abbastanza scontato, anche se permangono ancora molti dubbi sulle potenzialità di una scelta simile nel settore dei PC desktop.

Il lancio ufficiale dovrebbe avvenire nei primi giorni del mese di giugno durante il Computex a Taiwan, mentre la distribuzione dovrebbe cominciare a partire dal terzo quarto dell’anno.