QR code per la pagina originale

L’Emilia Romagna risparmia grazie al VoIP

,

L’Emilia Romagna è una delle Regioni italiane che si contraddistingue da sempre per l’innovazione e per la continua ricerca e adozione di soluzioni tecnologiche tanto da essere considerata un caso esemplare.

Grazie all’introduzione della tecnologia VoIP all’interno degli uffici della Regione e l’integrazione con la rete a banda larga di pubblica proprietà Lepida, che funziona da dorsale per il sistema di comunicazione attraverso Internet, l’amministrazione bolognese potrà risparmiare, in un anno, secondo quanto evidenziato dalle stime, circa 200mila euro, ma quasi fino ad 1 milione di euro se si considera il canone quinquennale previsto dalla Telecom.

Le chiamate voce, all’interno del network degli uffici regionali, saranno completamente gratuite, mentre tutte le telefonate esterne, anche dirette a numerazioni tradizionali, prevedono un costo di gran lunga inferiore.

Per garantire l’utilizzo del Voice Over IP è stata necessaria la sostituzione completa di tutte le centraline e gli impianti precedenti e, grazie alle nuove tecnologie su cui si basano i nuovi modelli, si prevede un risparmio sulla manutenzione pari a 50mila euro.

Duccio Campagnoli, assessore regionale alle Attività produttive e Piano Telematico, fa sapere, inoltre, che non solo la Regione Emilia Romagna è la prima in Italia a dotarsi di questa tecnologia, ma che considerando l’investimento complessivo su Lepida, che è stato di circa 60 milioni di euro, e il risparmio di 50 milioni, previsto sui cinque anni per l’adozione del VoIP, è facile intuire l’utilità di questa operazione.

Risparmio e nuovi servizi sono le parole chiave di questa iniziativa promossa dall’Emilia Romagna e anche se passerà del tempo prima che l’intero sistema venga utilizzato pienamente, i primi cambiamenti sono già stati avvertiti dai cittadini che per mettersi in contatto con gli uffici regionali devono comporre, prima dell’interno desiderato, il 527 (sempre preceduto dal prefisso 051) e abbandonare le vecchie numerazioni (639 e 28).