QR code per la pagina originale

SpaceX rimanda il debutto del Falcon Heavy

SpaceX rinvia ancora il debutto del Falcon Heavy; l'azienda spaziale condurrà a breve lo static fire dei motori del razzo.

,

SpaceX avrebbe rimandato ulteriormente il debutto del Falcon Heavy, il suo razzo di nuova generazione che è stato progettato per portare in orbita carichi più pesanti. L’azienda di Elon Musk sta lavorando da tempo su questo progetto e più volte a rimandato il lancio inaugurale di questo razzo. Negli ultimi tempi SpaceX sembrava sicura di poter arrivare al primo volo del Falcon Heavy entro la fine dell’anno ma sembra, invece, che si dovrà attendere ancora qualche ulteriore mese.

In una mail a Aviation Week, il presidente di SpaceX Gwynne Shotwell ha confermato che la società effettuerà le prove di “static fire” a dicembre per arrivare al lancio vero e proprio poco dopo. Se i test statici sui propulsori andranno bene, per il debutto del Falcon Heavy potrebbe essere davvero questione di poco tempo, forse già per il mese di gennaio del 2018. Tuttavia, visti gli innumerevoli rinvii del debutto di questo nuovo razzo, è difficile fare previsioni anche perchè SpaceX non ha voluto confermare nessuna timeline. Lo “static fire” del Falcon Heavy sarà molto importante perchè sarà la prima volta che tutti i 27 motori del razzo saranno accesi simultaneamente.

Sino ad ora, infatti, tutti moduli del nuovo razzo dell’azienda di Elon Musk sono stati testati ripetutamente ma sempre singolarmente.

Questo test è tutto fuorché banale perchè permetterà di valutare se il Falcon Heavy è pronto a volare o se l’azienda dovrà tornare a lavorarci su. Da questo test dipenderà, dunque, il futuro a breve termine di questo nuovo razzo vettore.

Molte cose, infatti, potrebbero andare storte e SpaceX, memore anche dell’incidente con il Falcon 9 di un anno fa, vuole essere certa che tutto vada davvero bene e che non ci siano intoppi di alcun genere.

SpaceX punta volto sul Falcon Heavy anche per utilizzarlo come vettore per i trasporti sulla Stazione Internazionale e per le future missioni sulla Luna.

Fonte: Engadget • Immagine: SpaceX