QR code per la pagina originale

Firefox 58, continua l’era Quantum

Firefox 57 per Windows è più veloce, grazie ad un thread separato per il disegno dei pixel di una pagina web, mentre la versione Android supporta le PWA.

,

Mozilla ha annunciato la disponibilità di Firefox 58 per desktop e mobile. La versione per Windows introduce ulteriori miglioramenti per il motore di rendering Gecko che permettono di velocizzare il caricamento delle pagine web. La novità più importante su Android è invece il supporto per le Progressive Web Apps.

In Firefox Quantum (Firefox 57) sono stati implementati un nuovo rendering engine basato su Servo e il nuovo CSS engine Stylo che sfruttano il parallelismo, suddividendo i carichi di lavoro tra i core della CPU. Mozilla ha ora assegnato un thread separato anche al processo di “painting”, ovvero quello che disegna tutti i pixel di una pagina web. In precedenza il thread principale del browser si occupava dell’esecuzione degli script, di rispondere agli input dell’utente e di mantenere lo stato corrente della pagina.

La novità di Firefox 58 per Windows si chiama OMTP (Off-Main-Thread Painting). Il thread principale gestisce sempre lo stato visuale della pagina, ma la “rasterizzazione” (generazione dei pixel) viene affidata ad un thread separato. Mozilla ha così ottenuto un notevole incremento delle prestazioni (fino al 30% nell’esecuzione di codice JavaScript). Il passo successivo sarà integrare WebRender (un altro pezzo di Servo) in Firefox Quantum.

Con Firefox 58 per Android è stata migliorata la gestione dei segnalibri e aggiunto il supporto per la riproduzione di file FLAC. La novità più importante è tuttavia il supporto per le Progressive Web Apps. Quando l’utente visita un sito compatibile con PWA vedrà l’icona di un casa nella barra degli indirizzi. Con un tap sull’icona si potrà inserire un collegamento diretto sulla schermata home e visualizzare il sito come una normale app, all’esterno del browser, senza barra degli indirizzi e a schermo pieno.

Fonte: Mozilla • Immagine: PxHere