QR code per la pagina originale

Sembrano ormai certe le nozze tra TIM e iPhone

Dopo una riunione con i vertici Apple, sembra ormai certa la commercializzazione di iPhone in Italia con il marchio TIM. Pochi i dettagli forniti, Apple dovrebbe essere coinvolta nella distribuzione di contenuti. Rilasciato intanto il nuovo firmware 1.1.4

,

Dopo rumors e indiscrezioni sempre più insistenti, sembra ormai ufficiale: il distributore ufficiale di Apple iPhone in Italia sarà la compagnia telefonica TIM. Le prime conferme sull’importante accordo sono giunte direttamente da Franco Bernabè, amministratore delegato di Telecom Italia, a margine di un incontro tenutosi a Roma con alcuni manager di Apple. TIM sarà dunque la prima compagnia telefonica italiana a commercializzare l’iPhone.

L’amministratore delegato di Telecom Italia non ha ancora fornito ulteriori dettagli sull’accordo raggiunto con Apple. Restano dunque da chiarire tempi di commercializzazione, prezzi, contenuti e tipologia di contratto che gli utenti dovranno sottoscrivere per poter utilizzare iPhone. Secondo alcune indiscrezioni, TIM offrirebbe buona parte dei contenuti multimediali, sfruttando Apple per la musica online. Alla compagnia telefonica andrebbe dunque una cospicua parte dei guadagni ottenuti dalla vendita dello smartphone, mentre a Apple andrebbero i guadagni derivati dalla vendita di contenuti. Salvo cambiamenti di programma, si suppone che iPhone possa giungere sul mercato italiano intorno al mese di giugno.

Intanto, nella giornata di ieri, Apple ha rilasciato un aggiornamento al firmware di iPhone, che passa così dalla versione 1.1.3 alla 1.1.4. L’intero upgrade ha un peso complessivo di ben 162 Mb e ripara alcuni bug senza aggiungere nuove funzioni. Come è ormai tradizione, il supporto Apple non fornisce alcuna informazione sulle falle corrette dall’aggiornamento. Nonostante non vi siano molte evidenze in merito, secondo numerosi esperti l’upgrade sarebbe propedeutico all’introduzione dell’atteso Software Development Kit (SDK), il pacchetto che consentirà la creazione di applicativi di terze parti da installare su iPhone e. probabilmente, iPod Touch. Del resto, Apple ha da poco iniziato la distribuzione degli inviti per un incontro dall’eloquente titolo “iPhone Software Roadmap” per giovedì 6 marzo. Nel corso dell’evento la società di Cupertino potrebbe consegnare agli sviluppatori il primo SDK per il suo iPhone, oppure guadagnare ancora tempo illustrando le caratteristiche del futuro pacchetto di sviluppo.

La possibilità di installare nuovo software potrebbe rendere lo smartphone di Apple maggiormente appetibile per il settore professionale, insidiando quote di mercato al diretto competitor BlackBerry. Il SDK dovrebbe consentire agli sviluppatori di aumentare la compatibilità con i sistemi email maggiormente diffusi in ambito professionale. Da alcune settimane si ipotizza anche l’introduzione del protocollo Exchange di Microsoft su iPhone, ma in merito a questa possibilità l’amministratore delegato di Redmond, Steve Ballmer, ha preferito non fornire alcun dettaglio.